inizia

Podcast Zeitgeist Italia: 10 ottobre 2010

Iscriviti al podcast
RSS Audio Podcast iTunes Audio Podcast
Non sai cos'è un podcast?
Ascolta il podcast

You are missing some Flash content that should appear here! Perhaps your browser cannot display it, or maybe it did not initialize correctly.

Scarica il podcast (MP3)

Trentatreesimo incontro teamspeak, 10 ottobre 2010
- nuovi responsabili GdL, nuove email contatti movimento
- ristrutturazione dei progetti e richieste di intervento in teamspeak tramite google doc https://spreadsheets.google.com/ccc?key=0Av3XFjDedOYfdEFiS3JjZ1FZdkNwaVh...
- doppiaggio Zeitgeist Moving Forward (Stefan e Claudio)
- simposio di Attigliano e NaturalHotel https://spreadsheets.google.com/ccc?key=0AodCyKSRlNfhdHhPM25QeTJCUDNYcXI...
- maglie e magliette (Leonardo)
- Nobel Prize in Physics For Discovery of Graphene http://hardware.slashdot.org/story/10/10/05/1534213/Nobel-Prize-in-Physi...
- Never-Ending Language Learning system, or NELL, http://www.kurzweilai.net/aiming-to-learn-as-we-do-a-machine-teaches-itself
- Google Secretly Tests Autonomous Cars In Traffic http://tech.slashdot.org/story/10/10/09/2140245/Google-Secretly-Tests-Au...
"Autonomous cars are years from mass production, but technologists who have long dreamed of them believe that they can transform society as profoundly as the Internet has. Now the NY Times reports that Google has been working in secret on vehicles that can drive themselves, using artificial-intelligence software that can sense anything near the car and mimic the decisions made by a human driver. With someone behind the wheel to take control if something went awry and a technician in the passenger seat to monitor the navigation system, seven test cars have driven 1,000 miles without human intervention and more than 140,000 miles with only occasional human control. One even drove itself down Lombard Street in San Francisco, one of the steepest and curviest streets in the nation. The only accident, engineers said, was when one Google car was rear-ended while stopped at a traffic light."

- L'angolo della scienza con Daniele:

1) Intel sta sviluppando computer controllati tramite il pensiero; non solo a livello di controllo del movimento di cursori sullo schermo o di veicoli ma anche a livello di parole pensate: il sistema per ora sviluppato è in grado di riconoscere parole semplici come cacciavite, casa, ecc. Mano a mano che la risoluzione degli scanner cerebrali aumenterà anche la complessità dei comandi che possono essere impartiti crescerà fino a livelli simili alla lettura del pensiero in termini di dialoghi ed ordini complessi.
http://www.physorg.com/news201939898.html.

2) Fisici quantistici hanno trovato un altro modo di trasformare il calore da smaltire in elettricità.
http://www.physorg.com/news204552797.html
Se le simulazioni eseguite al computer sul comportamento del materiale polimerico che si sta sviluppando all'Università dell'Arizona si dimostreranno corrette, potremo aprire la porta ad una nuova Era della produzione energetica e dello sfruttamento del calore da smaltire dai dispositivi che producono calore o si riscaldano e devono essere raffreddati.
Che cosa hanno in comune il motore di una macchina, i pannelli solari e vari impianti di produzione d'energia o altri beni specie metallici?
Il fatto che necessitano di raffreddamento o che comunque producono calore in eccesso, lo stesso vale per i computer per esempio.
I ricercatori di quest'università americana hanno scoperto che se tra due elettrodi viene depositato un materiale polimerico facile da produrre come quelli composti dagli etere poli-fenolici ingegnerizzati in una certa maniera si riesce a sfruttare le caratteristiche della natura ondulatoria degli elettroni che li attraversano creando delle interferenze che tendono a crescere con l'aumento del numero di anelli di benzene presenti nel polimero e che in un certo senso producono una migrazione di elettroni dal lato più caldo dell'elettrodo verso quello più freddo.
In questa maniera per semplificare al massimo il fenomeno potremmo dire che utilizziamo il flusso di elettroni che si muove dall'elettrodo più caldo verso quello più freddo per trasportare sotto forma di energia elettrica il calore generato che spesso è generato per attrito o combustione e riciclarlo sotto forma d'elettricità.
Per dare un'idea delle quantità d'energia di cui stiamo parlando: il calore generato da una macchina a benzina di una certa cilindrata basterebbe per produrre sufficiente energia elettrica per illuminare 200 lampadine da 100 watt o recuperare il 25% dell'energia persa dal motore sotto forma di calore che potrebbe essere utilizzata da una macchina ibrida per aumentare l'efficienza energetica della macchina e ridurre drammaticamente i consumi.
Come sapete i pannelli solare esposti al sole tendono a riscaldarsi, il loro riscaldamento ne diminuisce l'efficienza fino ad inibirla completamente di solito quando si arriva a circa 100°C. La possibilità di raffreddarli sfruttando la differenza di temperatura che esiste tra la superficie esposta al sole e quella all'ombra al tempo stesso trasformando questa energia calore in pura energia renderebbe i pannelli solari estremamente più efficienti o forse persino superflui in questo caso.
Le conseguenze dello sviluppo di questo tipo di tecnologie, tipiche del campo delle nanotecnologie che possono sfruttare gli effetti quantistici che presentano una rilevanza inversamente proporzionale alla scala delle dimensioni delle strutture di cui consistono potrebbero avere un impatto a livello globale sul modo in cui si produce energia assolutamente incredibile: pensate all'accoppiamento di questo tipo di tecnologie con il geotermico, convertendo direttamente il calore del magma in elettricità!

3) La Danimarca punta alla produzione del 100% del proprio fabbisogno nazionale energetico da energie rinnovabili entro il 2050:
http://cleantechnica.com/2010/10/05/denmark-100-fossil-fuel-free-by-2050/
per raggiungere questo obiettivo ha deciso di utilizzare lo 0,5% del proprio Prodotto Interno Lordo per investire nella produzione di tecnologie capaci di produrre energia rinnovabile.

4) Primi pannelli solari flessibili a ricevere certificazione UL:
http://cleantechnica.com/2010/09/14/flexible-solar-panels-get-first-ever...
UL significa Underwritter's Laboratories ed è un'organizzazione che testa e certifica dispositivi elettrici che possono essere utilizzati in modo sicuro dai consumatori. La compagnia SoloPower che produce pannelli solari su strato sottile che praticamente assomigliano a dei tappeti che possono essere posizionati praticamente su ogni superficie con grande facilità è la prima a ricevere la certificazione UL e che inizierà a vendere molto presto in Nord America ed in Europa forte di questa certificazione che l'aiuterà a penetrare in modo molto più agevole il mercato.
Ricordiamo che questo genere di pannelli solari è caratterizzato da un'efficienza inferiore a parità di superficie rispetto ai normali pannelli solari ma da costi di produzione e durata superiore agli stessi e probabilmente hanno anche un impatto ambientale minore."

- Domande e risposte

Ogni due domeniche, ore 21:30, incontro via chat Zeitgeist Italia per tutti gli attivisti che vogliono darsi da fare. Qui trovate le istruzioni per connettervi:
http://zeitgeistitalia.org/podcast

5
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Condividi contenuti