inizia

produzione

[SUCCESSO!] Stampanti 3D per un mondo migliore!


Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questo nostro progetto! Vi aggiorneremo costantemente sugli sviluppi dal nostro sito.

  • Ringraziamenti

Michele Farnelli
Monkey Man
Prof. Stefano Epifani
Diego Arborio
Fabio Mercante
Massimiliano Masciulli
Pierpaolo Marongiu
Paolo Belloni
Paolo Posocco
Marco Scarpellini
Roberto De Biase
Massimo Talamonti
Damiano Cascino
Remus Gosav
Marco Stifano
Mustapha Essebah
Massimo Saresini
Francesco Manghi
Maicol Urbinati
Fabio D'Addona
Alberto De Pizzol
Stefano Zangari
Stefano Musaico
Roberto Pirro
Fabrizio Bressan
Maksymilian Pora
Claudio Galbiati
Gregorio Pezzo
Lorenzo Barabino
Fabio Trupia
Emmanuel Asquier-Brassarte
Luigi Laurino
Domenico Marzano
Daniele Mancinelli
Ezio Marano
Simone Fin
Andrea Ferrandino
Alice Sorlini
Luca Bertoli

Zeit Spot #23 - Il mondo del futuro

TEDx Ojai | Peter Joseph - La Grande Domanda


clicca l'immagine per vedere





"La grande domanda è: Cosa farete voi? In che modo? Che tipo di consapevolezza sociale? Quale ruolo pensate di poter giocare?"
Tradotta e doppiata dai volontari del Movimento Zeitgeist Italia, siamo lieti di pubblicare la recentissima conferenza TED di Peter Joseph, svoltasi il 29 febbraio 2012, in California.

TEDx Ojai | Peter Joseph - La Grande Domanda

"La grande domanda è: Cosa farete voi? In che modo? Che tipo di consapevolezza sociale? Quale ruolo pensate di poter giocare?"
Tradotta e doppiata dai volontari del Movimento Zeitgeist Italia, siamo lieti di pubblicare la recentissima conferenza TED di Peter Joseph, svoltasi il 29 febbraio 2012, in California.

EDIZIONE ITALIANA: Movimento Zeitgeist Italia
LOCALIZZAZIONE DIAPOSITIVE: Ezio Coriglione
ADATTAMENTO E DOPPIAGGIO: Ezio Coriglione
VOCE: Sergio Sghedoni
SIGLA INIZIALE: Ezietto - Zeitgeist Theme (Orchestral Version)
FONTE: http://youtu.be/4qKAse8388k - http://www.ted.com
Questo video è rilasciato con licenza Creative Commons BY-NC-ND 3.0 Unported
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/

This video has been translated and dubbed keeping the original content.
Therefore, this translation is not intended as a modification or derivative work

Verso un Futuro di produzione cooperativa, su piccola scala, locale e p2p – Parigi, OuiShare Summit


Fonte: blog www.meedabyte.com
L’iniziativa Ouishare è nata a Parigi nel corso del 2010 soprattutto grazie all’energia e alla sociabilità di Antonin Leonard dopo l’ondata globale di interesse che nacque intorno a due libri seminali che sono pubblicati in quei giorni: “What’s mine is Yours” di Rachel Botsman e Roo Rogers e “The Mesh” di Lisa Gansky .

Per chi non è molto familiare col concetto, il Consumo Collaborativo riguarda un nuovo modo di vedere i beni di consumo, considerando più importante l’accesso della proprietà: condividere ciò che si possiede (e magari non si utilizza al 100%) con gli altri membri della comunità contribuisce a ridurre globalmente i consumi globali ed è davvero un’idea speciale. Molte grandi idee incarnano i principi del consumo collaborativo: tra le più note il ride/car sharing, il couchsurfing or lo room renting, e il prestito di strumenti di lavoro (avete mai pensato a quanto tempo effettivamente usate un trapano nella vita? Solo qualche ora), e molti molti altri.

Il Consumo Collaborativo ha un merito davvero enorme: l’aver messo l’idea della co-ownership e dell’accesso sotto i riflettori, innescando interesse per la collaborazione, e per i modelli peer to peer (dove conta il contatto da persona a persona) che a quei tempi erano ancora molto marginali, salvo quanto il paradigma p2p aveva già fatto nel settore della musica rendendola davvero libera di circolare al di là di distributori, etichette e titolari del copyright.

La storia delle cose


In questo video Annie Leonard illustra in modo semplice ed immediato cos'è la corsa al PIL (con un ringraziamento alla voce che doppia in italiano il video!). Perché dire "No PIL"
"Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago.

Non comprende la bellezza della nostra poesia, la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere.

Condividi contenuti