inizia

efficienza

Zeit Spot #23 - Il mondo del futuro

Un dispositivo da scrivania per trasformare la vostra vecchia plastica in materiale per la stampa 3-D


Traduzione a cura di Denis Gobbi

A mano a mano che la stampa 3-D si diffonde sempre più, cominciamo a sentire sempre più il bisogno di nuovo materiale per alimentarla e creare i nostri giocattoli e gadget. Che ne dite del contenuto del vostro bidone della plastica?
Non è troppo lontano un futuro nel quale tutti useremo stampanti 3-D per stampare nuovi organi, ossa, cibo e così via, dovremmo guardarci alle spalle e ringraziare Tyler McNaney, principale al secondo anno di ingegneria meccanica al Vermont Technical College che ha ideato il “Filabot”: un sistema di estrusione di plastica 3-D, che utilizza plastica riciclabile per ricavarne bobine da poter utilizzare nelle stampanti 3-D.

Al giorno d’oggi per procurarsi un Kg di plastica in filamento da poter utilizzare in una stampante 3-D come ade esempio la MakerBot, tocca spendere intorno ai 40$. Ma tutte queste bottiglie dell’acqua minerale, dei detersivi ed altri componenti d’imballaggio dei prodotti che ricicliamo (vero? ) ogni settimana? Queste sono praticamente risorse gratuite. La macchina di McNaney utilizza qualsiasi plastica riciclabile e macina, fonde ed estrude il materiale di modo che possa essere arrotolato su una bobina ed utilizzato per la stampa 3-D. Nel video di McNaney su Kickstarter, questa macchina può creare due metri e mezzo di bobina a partire da un paio di bottiglie di plastica come quelle del latte o dei detergenti.
La Filabot è relativamente piccola, progettata per poter stare comodamente sopra ad una scrivania, accanto a un computer e a una stampante 3-D.
McNaney spiega le sue motivazioni che l’hanno portato ad inventare questa macchina sulla pagina Kickstarter di Filabot.
L’estrusione ed il riciclo della plastica sono conosciuti fin dalla sua invenzione. Di cosa pensi siano fatte le bobine che compri online? Ci sono ancora pochi siti ed utenti che hanno cominciato ad utilizzare questo sistema, ma nessuno l’ha portato ad una scala ove il sistema risulta semplice e facile da utilizzare. Il solo obiettivo di Filabot è quello di ottenere un sistema che sia completo, economico e affidabile nell’uso.
La campagna Kickstarter di McNaney ha raccolto 32,330$, il cui ora si stà dedicando alla produzione della prima partita di ordini di Filabot (costo per i sostenitori iniziali di 350$). E dopo di questo? Filabot renderà molto più facile agli amanti della stampa 3-D la creazione di ogni sorta di oggetto. Purtroppo però la stampa casalinga di ossa e organi in 3-D, dovrà ancora aspettare.

Fonte: CoExist; Kickstarter Filabox; Sito ufficiale Filabot

Culture in Decline | Episodio #2 "Economia 101" - Sub Ita

Culture In Decline | Episodio #2 "Economia 101"
di Peter Joseph
http://www.zeitgeistitalia.org/ | http://www.cultureindecline.com | http://www.thezeitgeistmovement.com/

Versione italiana realizzata dal Movimento Zeitgeist Italia.
Traduzione: Nino Aloi

Copyright ©2012 Gentle Machine Productions LLC

Stufa a Pirolisi


Fonte

di Jacopo Amistani Guarda, coordinatore Open Source Ecology Italia

La Pirolisi, parola strana.
Cos'è e a cosa serve? Come può aiutarci a ridurre il nostro impatto sull'ambiente e rendere molto più efficenti le nostre fonti di approvvigionamento energetico?

Secondo Wikipedia:
La pirolisi (o piroscissione) è un processo di decomposizione termochimica di materiali organici, ottenuto mediante l’applicazione di calore e in completa assenza di un agente ossidante (normalmente ossigeno). In pratica, se si riscalda il materiale in presenza di ossigeno avviene una combustione che genera calore e produce composti gassosi ossidati; effettuando invece lo stesso riscaldamento in condizioni anaerobiche (totale assenza di ossigeno), il materiale subisce la scissione dei legami chimici originari con formazione di molecole più semplici. Il calore fornito nel processo di pirolisi viene quindi utilizzato per scindere i legami chimici, attuando quella che viene definita omolisi termicamente indotta. Tra i principali processi pirolitici sfruttati su larga scala spiccano il cracking industriale e il trattamento termico dei rifiuti. Prima del 1925 la pirolisi del legno costituì la fonte principale di metanolo.

cit:http://it.wikipedia.org/wiki/Pirolisi

È quindi possibile sfruttare in maniera efficiente l’energia stoccata all'interno delle biomasse per permetterci di recuperare il calore e l’energia elettrica necessaria per sopravvivere e ricavarne anche un ingente eccedenza, ma dove si può trovare una stufa di questo tipo e quanto costerebbe produrla? Esistono già modelli facilmente recuperabili sul mercato e funzionanti? Quanto costano?

Questo argomento è egregiamente affrontato da Jacopo Fo in uno dei suoi articoli sul Fatto Quotidiano.

L’incremento tecnologico che sta cambiando ogni cosa.


Clicca qui per ingrandire

Traduzione a cura di Daniel Iversen, Vincenzo Barbato e Maurizio Bisogni

I computer non solo stanno diventando più economici, ma anche più efficienti in termini di consumo energetico.
Ciò significa un mondo invaso da micro sensori e fiumi di “nanodata”.
Le prestazioni dei computer hanno visto una crescita rapida ed esponenziale, raddoppiando ogni anno e mezzo, a partire dal 1970.
Quello che la maggior parte della gente non sa è che la loro efficienza energetica (ossia il numero di operazioni di calcolo completati per kilowatt/ora) è raddoppiato anch’esso ogni anno e mezzo fin dall’alba dell’età dell’informatica.
Laptops e dispositivi portatili devono la loro esistenza a questo trend, che ha portato alla rapida riduzione dell’energia consumata da parte dei dispositivi alimentati a batteria.

Più robot, meno contadini, uguale efficienza e meno lavoro umano.

FONTE
Traduzione a cura di Vincenzo Barbato e Daniel Iversen.
Premessa.
Il Movimento Zeitgeist non vuol fare apologia dello sfruttamento animale o difendere la produttività massiccia e incurante della natura e del pianeta, bensì far riflettere su come un economia basata sull’ignoranza/aumento esponenziale dei profitti sia insostenibile, ed elimini l’esigenza del lavoratore umano, vista la domanda sempre crescente di energia e di necessità da soddisfare. Tutti noi facciamo parte di questo gioco, possiamo renderlo obsoleto con cultura, uno stile di vita ecosostenibile, consumo cosciente, sostegno alle iniziative “green” e ponendoci una domanda.
Cos’è davvero importante nella nostra vita?.

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Mahatma Gandhi.

Un numero sempre minore di contadini si sporca le mani. Per non sporcare il loro smartphone, Lely, ditta olandese produttrice di tecnologie agricole, ha recentemente installato il loro 12.500esimo robot da mungitura. Ciò significa che centinaia di migliaia di mucche in tutto il mondo produrranno dieci milioni di litri di latte al giorno con l’aiuto delle pompe del robot piuttosto che dalle mani dei contadini.

Condividi contenuti