inizia

baggianate

Movimento Zeitgeist: satanisti, new age, illuminati, nuovo ordine mondiale e altre baggianate

Sono giunte alla mia attenzione alcune voci secondo cui “Zeitgeist” e, per estensione, il Movimento Zeitgeist, sarebbe un gruppo massonico satanista che vuole sterminare il 90% della popolazione mondiale tramite un piano segreto del “Nuovo Ordine Mondiale” (NWO), fare sacrifici umani a Lucifero, il tutto farcito da uno spiritualismo New Age.

Per quanto possano sembrare considerazioni idiote e non degne di nota, ho purtroppo notato che molte persone ci cascano. Vorrei prendere quindi alcuni minuti per fare chiarezza una volta per tutte su questa questione, così da non perdere più tempo in futuro a sbugiardare certe idiozie.

illuminati
Simbolo degli "Illuminati", di cui noi dovremmo fare parte. Buono a scoprisi,
perché nonostante abbia fondato il movimento in Italia ed essendone coordinatore nazionale non lo sapevo!

Cominciamo dall’inizio. Da dove originano queste proposizioni alquanto bizzarre? Bastano pochi minuti su Google per tracciare tutto a due articoli, il primo del sito nwo-truthresearch intitolato “Il Comunismo New Age: Il Programma “Zeitgeist”” che altro non è che la traduzione in italiano di un articolo del blog americano Revolution Harry.

Non mi soffermo in considerazioni sulla poverissima traduzione (nomi sbagliati, accenti, etc...) e cercherò di concentrarmi sul contenuto. L’autore inizia col dire:

Sarei giunto a capire che gran parte del cosiddetto 'Movimento per la Verità' era una 'psy-op' controllata, uno dei cui principali obiettivi, in termini semplici, era quello di orientare in direzione di un governo mondiale 'buono' chi aveva compreso che era in corso di sviluppo il Nuovo Ordine Mondiale orwelliano.

club of rome
Logo del "Club of Rome"

Ovviamente non viene data alcuna spiegazione del perché sia venuto a pensare una cosa simile, secondo quali criteri e quali prove l’abbiano indotto a giungere a questa conclusione. Eppure, da lì costruisce tutta la sua argomentazione, continua infatti:

Inoltre, questo governo mondiale 'buono' avrebbe avuto armonie New Age (Teosofiche). In breve, si sarebbe trattato del Nuovo Ordine Mondiale al quale il PTB aveva sempre mirato.

Da qui in poi è una lunga lista di quello che in logica viene chiamato non sequitur, ovvero una serie di considerazioni che non conseguono dalle premesse, ma che poi vengono utilizzate successivamente per costruire altri ragionamenti, invalidando tutto il discorso.

Harry non si pone minimamente il problema di spiegare nulla di tutto ciò (quello che dice è, dobbiamo credergli sulla parola), rimanda invece ad un articolo ancora più sconclusionato di Richard Evans intitolato “La Soluzione Zeitgeist è il Comunismo riconfezionato per attirare il cercatore della verità del 21mo secolo”. Evans (a parte sbagliare i nomi di Jacque Fresco e Peter Joseph, mostrando quanto abbia ricercato accuratamente per scrivere questo articolo), inizia una serie di attacchi ad personam, per poi prendere la tangente e lanciarsi in speculazioni che trovo tanto esilaranti quanto deliranti.

Per cominciare, Jacque Fresco sarebbe un “associato ONU”. Dato che l’ONU non è un’associazione non capisco come lo possa essere, immagino intenda “membro dell’organizzazione”, ma non fermiamoci sui dettagli. Come unica fonte cita un video dove Roxanne Meadows, partner di Jacque, racconta che in passato hanno partecipato ad una conferenza per parlare del Venus Project, dove erano presenti alcuni membri dell’ONU. Mi pare un po’ debole come collegamento, anche perché io posso partecipare ad una conferenza per parlare di pace ad una tavola di discussione dove è presente il capo militare di qualche esercito. Questo non significa che io faccia parte dell’esercito o che ne sostenga le sua attività, anzi, mi troverei proprio lì per il motivo opposto. Comunque, immaginiamo per assurdo che il collegamento sia giusto e che Jacque effettivamente sia un membro delle Nazioni Unite. Certamente dovrebbe comparire nei loro archivi, dato che sono pubblici. Eppure, in tutto il loro sito, non c’è una singola ricorrenza di Jacque Fresco, nemmeno una citazione. Bastano cinque secondi e un motore di ricerca per verificarlo, non è difficile.

illuminati
Altro simbolo degli "Illuminati"

Insomma, abbiamo stabilito che Jacque con la Nazioni Unite non ha nulla a che fare, se non aver conosciuto alcuni che ci lavorano ad una conferenza. Evans va avanti dicendo:

È associato all’ONU e promuove il familiare programma degli Illuminati

Abbiamo già stabilito che la prima parte della frase è falsa, da qui in poi vengono commessi una caterva di errori logici. Il primo si chiama ex falso sequitur quodlibet, ovvero partendo da un presupposto falso posso far conseguire qualunque cosa. Per esempio: sono un marziano, quindi sono alto 10 metri.

Un’altra premessa, data per assunto e tutta da dimostrare, è che le Nazioni Unite sostengano dei misteriosi piani di questa élite chiamata “illuminati”, che prevedono lo sterminio del 90% della popolazione mondiale e il controllo delle menti delle persone tramite varie tecniche di manipolazione chimica e biologica. Non voglio entrare nel merito della questione e non voglio prendere posizione a riguardo, ma faccio semplicemente notare che viene dato come assunto senza dimostrare nulla.

Per spiegare la prossima falla logica immaginiamo, sempre per assurdo, che Jacque effettivamente faccia parte della Nazioni Unite, che gli illuminati abbiano questi piani diabolici segreti e che siano infiltrati nell’organizzazione. Significa forse che tutti i membri dell’ONU ne sono a conoscenza e sottoscrivono questi piani? Ho un amico che lavora all’ONU come diplomatico per la risoluzione dei conflitti in Africa e per portare la pace in quei villaggi devastati della guerra. Anche lui fa parte di questa megacospirazione, e vuole in realtà sterminare miliardi di persone innocenti? Questo si chiama in logica falso sillogismo, ovvero applicare a tutti una cosa non generalizzabile. Esempio: Marco ha gli occhi blu, Marco è un uomo, tutti gli uomini hanno gli occhi blu. Si tratta di logica basilare, nulla più.

Da qui in poi è comicità allo stato puro. Gli stessi errori logici vengono ripetuti decine di volte senza la minima verifica di fonti o ragionamenti razionali, quindi non mi dilungherò oltre. Se volete farvi due risate leggete il resto articolo.

Il secondo è scritto da Marcella Fraschi, e presenta gli stessi errori del primo, sia di forma che di contenuto. Inizia attaccando:

Questi docu-film non sono stati realizzati gratuitamente, hanno avuto finanziamenti da colossi della tecnologia come la Sony e la Siemens.

Certo, non sono stati realizzati gratuitamente. Il regista americano Peter Joseph ha messo di tasca sua centinaia di migliaia di dollari per poi distribuirli gratuitamente in rete, senza alcun profitto (cattivone!). Era stanco di lavorare per la pubblicità, e voleva scappare dai meccanismi di profitto e vendita, così ha deciso di prendere quasi tutti i suoi risparmi e di investirli in un progetto per migliorare questa società, senza chiedere nulla in cambio. Per chi vuole sostenere il progetto è possibile comunque acquistare il DVD al prezzo simbolico di 5 dollari (3 euro). Dall’uscita del primo film nel 2007, Peter ha dichiarato che è ancora ampiamente in rosso e che spera al massimo di rientrare nei costi di produzione nel lungo termine.

Anche in questo caso non viene data alcuna spiegazione. Io però ricordo che alcuni notarono una breve scena in Addendum in cui veniva mostrato uno schermo con la scritta “Siemens”. Le riprese di quella scena sono state fatte a Times square, dove sono presenti centinaia di marche di multinazionali. Peter aveva applicato un filtro gaussiano per rendere sfocate le scritte, ma quella Siemens, essendo molto più grande delle altre, risultava ancora leggibile. Questo ha dato ampio spazio ai cospiratori per partire con le loro ipotesi di complotto strampalate. Consapevole di questo, nel film successivo, Moving Forward, Peter ha voluto ironizzare girando un’altra scena in Times square, questa volta però storpiando i nomi delle aziende, come “Siemells” e “Banosonic”. Un tocco di classe.

siemells

Bene, siamo solo all’inizio del delirio. L’articolo continua dicendo:

Tra i sostenitori del PV ci sono personaggi importanti come Bill Gates (che in una conferenza rivelò il desiderio di ridurre la popolazione tramite un vaccino). Non so voi, ma io ci trovo del ridicolo, o meglio, del tragi-comico.

Anch’io ci trovo del ridicolo, o meglio del tragicomico, perché di nuovo non viene data alcuna fonte sul fatto che Bill Gates sostenga il Venus Project (per favore, smettetela di chiamarlo Progetto Venus, l’era di Mussolini è finita e non dobbiamo tradurre tutti i nomi stranieri), ma soprattutto non c’è alcuna fonte che Gates voglia sterminare la popolazione con un vaccino. Per assurdo, anche se volesse farlo e anche se sostenesse il VP, non c’è alcun collegamento tra il Movimento Zeitgeist e questo fantomatico vaccino!

Tutto il resto dell’articolo è una disquisizione su un ipotetico collegamento New Age con il Movimento Zeitgeist. Sì, non vi sto prendendo in giro, avete letto bene: non solo saremmo dei satanisti, illuminati, vaccinatori sterminatori orwelliani, ma anche New Age. Siete pronti a sentire il collegamento logico? Tenetevi forte e leggiamo:

Tra i personaggi che vengono intervistati in questi documentari spiccano: Krishnamurti, Acharya S, Michael Tsarion e Joran Maxwell.

A parte sbagliare per l’ennesima volta i nomi, gli individui citati sono predominanti solo nel primo dei tre film, che come è stato spiegato più volte non ha nulla a che fare con il Movimento Zeitgeist. Si tratta infatti dell’espressione artistica del regista Peter Joseph, che aveva creato un’opera musicale in stile vaudevilliano in cui raccontava come le superstizioni si progagano nella società, con effetti disastrosi. Con il secondo film, Addendum, Joseph prende le distanze in maniera netta dal primo, non limitandosi ad analizzare i problemi della società, ma presentando anche una direzione sociale basata sulla sostenibilità ambientale, la pace e un cambiamento culturale non violento su scala globale. Nasce così il Movimento Zeitgeist, un’organizzazione senza leader a respiro globale, formata da migliaia di attivisti di tutto il mondo che mettono a disposizione il proprio tempo come volontari non pagati.

Ma non perdiamoci, ecco che arriva il punto cardine da cui consegue il resto dell’articolo:

Essi sono tra i maggiori esponenti della New Age, quindi i film e di conseguenza il Venus Project, sono basati su questa filosofia.

A questo punto non penso sia necessario dovervi spiegare cosa ci sia di sbagliato in questa frase, ho troppo rispetto per la vostra intelligenza. Vi dico solo che in una sola riga riesce a commettere tutti gli errori logici che ho citato prima. Roba da record.

Una piccola nota di forma: pare che molti, parlando del Movimento Zeitgeist, facciano riferimento a un fantomatico “Zeitgeist” e basta, come se fosse un’organizzazione o un’istituzione con un’identità propria. Zeitgeist (spirito del tempo in lingua tedesca) è un'espressione adottata nell'Ottocento che indica la tendenza culturale predominante in una determinata epoca. Come tale, è stata utilizzata in una varietà di contesti, dalla cultura popolare alle multinazionali. Per esempio, molti hanno associato il movimento al Google Zeitgeist, una collezione di elenchi delle parole chiave più ricercate di Google, affermando poi che noi saremmo finanziati da David Mayer de Rothschild. Ovviamente non esiste alcun collegamento, se non la parola Zeitgeist in comune. Comunque, il collegamento tra Google e Rothschild è nuovamente buttato a casaccio, solo perché è andato a parlare allo Zeitgeist Europe 2007. Zeitgeist è però anche un album dei The Levellers del 1995, un EP dei Frogcircus del 2002, o ancora un album dei The Smashing Pumpkins del 2007 e del nostrano Dj Nais del 2009. E ancora, Zeitgeist è un framework scritto in Python per Linux e un personaggio della Marvel Comics, ma non troviamo associazione del movimento a questi, come mai?

Il fatto che ci chiamiamo Movimento Zeitgeist non è casuale, siamo infatti un movimento spontaneo di persone e non una setta, un’azienda o un’istituzione. Fare riferimento a Zeigeist e basta per riferirsi al nostro movimento è un po’ come dire “stelle” per parlare dei ragazzi del “Movimento a 5 stelle” di Beppe Grillo, non ha molto senso.

In conclusione, non mi stupisce che certi articoli vengano scritti, e non posso di certo biasimare gli autori. Viviamo in una società di profonda ignoranza scientifica e letteraria. Secondo un articolo del linguista Tullio de Mauro, cinque italiani su cento tra i 14 e i 65 anni non sanno distinguere una lettera da un'altra, una cifra dall'altra. Trentotto lo sanno fare, ma riescono solo a leggere con difficoltà una scritta e a decifrare qualche cifra. Trentatré superano questa condizione ma qui si fermano: un testo scritto che riguardi fatti collettivi, di rilievo anche nella vita quotidiana, è oltre la portata delle loro capacità di lettura e scrittura, pertanto, un grafico con qualche percentuale è un'icona incomprensibile. Secondo specialisti internazionali, soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea. Non c’è quindi da stupirsi se questi articoli non solo vengono scritti, ma anche condivisi a spron battuto, senza il minimo spirito critico e la verifica delle fonti.

Non posso che lasciarvi con un invito: non fatevi abbindolare da qualunque cosa troviate, sia essa su Internet, in televisione o nei libri. Non è facile navigare nell’oceano delle informazioni e stimoli che ci circondano, ed è per questo che la specie umana ha perfezionato il metodo scientifico, che ci permette di raggiungere una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile.

Detto ciò, lascio da parte questa attività di “debunking” per parlarvi di qualcosa di molto più rilevante. Ciò che importa di più è che, anche se per assurdo tutto quello in cui credono i complottisti si rivelasse vero, le idee e i valori proposti dal movimento non verrebbero minimamente falsificati. Si tratta di un movimento sociale non-profit, che mira ad un cambio di valori su scala globale. Lo scopo è elevare lo Zeitgeist (spirito del tempo), appunto, lo spirito culturale delle società, ad un livello più umano e sano, in modo che sia basato sulle risorse della Terra, sulle nostre conoscenze scientifiche e tecnologiche, e sulla liberazione delle persone, che possano finalmente realizzare il loro potenziale, nel rispetto della natura. Perché non si parla di queste cose, piuttosto che lanciarsi in appassionati e irrazionali attacchi a Peter e Jacque? Vi ricordo che il movimento è formato da migliaia di attivisti e che non ha alcun leader. Se un domani venisse fuori che Peter e Jacque siano davvero dei satanisti new age del nuovo ordine mondiale, non faremo altro che staccarci dall’organizzazione e cambiare il nome da movimento zeitgeist a “movimento perepepè”, oppure “movimento per la pace e sostenibilità”, oppure “movimento per l’economia delle risorse” o qualunque altro nome ci venga in mente. Quello che conta sono le idee, e di quelle dovremmo parlare. I nomi non importano, dietro ai nomi ci sono delle idee “e le idee sono a prova di proiettile”. (V)

Se volete sapere chi c’è veramente dietro al Movimento Zeitgeist, visitate la pagina di attivismo o venite a trovarci su teamspeak la domenica sera alle 21:00 (qui trovate le istruzioni su come connettervi), avrete la possibilità di parlare con noi. Non fatevi intimorire, in 47 incontri ufficiali non abbiamo mai litigato, mai ci sono mai stati insulti o attacchi ad personam per coloro che non la pensavano come noi, anzi! (ci sono le registrazioni a provarlo :P)

Siete tutti invitati a venire a parlare, discutere e soprattutto portare nuove idee e punti di vista: è l’unico modo grazie al quale riusciremo a crescere, insieme.

Federico Pistono
coordinatore del Movimento Zeitgeist

Condividi contenuti